Jack Dorsey non è un fan delle nuove regole del Crypto

Jack Dorsey non è un fan delle nuove regole del Crypto

Jack Dorsey, l’amministratore delegato di Square e Twitter, non è un fan delle normative sulla crittovaluta in arrivo.
Jack Dorsey non è a favore delle nuove regole di crittografia

Questo ha senso se si considera che Square, una delle sue aziende, ha recentemente acquistato circa 50 milioni di dollari in bitcoin pochi mesi fa per diventare una delle prime imprese istituzionali a sostenere apertamente il bitcoin e a Bitcoin Revolution detenere una partecipazione così grande in esso. È probabile che Dorsey non voglia prendere un colpo per questo acquisto.

Tuttavia, in una lettera aperta alla Financial Crimes Enforcement Enforcement Network (FinCEN), Dorsey sembra che abbia colpito queste nuove regole, dato che potenzialmente danneggiano la privacy delle persone e che alla fine renderebbero più difficile l’applicazione della legge finanziaria nel lungo periodo.

Le regole a cui si riferisce sono state inizialmente introdotte intorno a Natale. Esse propongono che chiunque si impegni in una transazione criptata del valore di circa 3.000 dollari o più venga sottoposto ai legislatori per un esame adeguato delle proprie identità, compresi i nomi e gli indirizzi. L’idea è di garantire che non si verifichi alcun crimine crittografico e, se dovesse verificarsi, ciò renderebbe potenzialmente più facile la ricerca e l’indagine.

Dorsey è contrario, afferma nella sua lettera:

Se la proposta venisse attuata nella forma scritta, Square sarebbe tenuta a raccogliere dati inattendibili su persone che non hanno optato per il nostro servizio o che non si sono registrate come clienti.

Ha inoltre spiegato che le regole fanno poco per fermare i crimini finanziari tradizionali e prendono invece inutilmente di mira coloro che sono impegnati in transazioni crittografiche:

L’incongruenza tra il trattamento del contante e la crittovaluta secondo la proposta di FinCEN inibirà l’adozione della crittovaluta e invaderà la privacy degli individui… Se la madre di un cliente di Square regala alla figlia 4.000 dollari in contanti fisici e la figlia deposita quei fondi in una banca, la banca non avrà alcun obbligo di raccogliere informazioni sulla madre del cliente. Secondo la proposta, se questa stessa transazione fosse completata in valuta criptata, la banca dovrebbe andare oltre il suo rapporto con il cliente e intromettersi nelle informazioni private della madre affinché la figlia possa depositare con successo e accedere liberamente al suo regalo.

Il vero problema qui nella mente di Dorsey è che manderebbe le forze dell’ordine a caccia di individui che non hanno fatto nulla di male, e teme che molte persone, come mezzo per evitare che la loro privacy venga invasa, alla fine si rivolgerebbero a canali non regolamentati per sfuggire all’individuazione, il che potrebbe potenzialmente metterli in reale pericolo da parte di altri criminali in futuro.

Le identità delle persone dovrebbero essere protette

Ha inoltre menzionato:

Mentre sarebbe assurdo per la FinCEN imporre regolamenti che comporterebbero una minore visibilità delle attività che cerca di monitorare, questo è esattamente ciò che la proposta farebbe… Come scritto, questi regolamenti non faranno altro che minare gli obiettivi dichiarati della proposta.